Nel secondo dopoguerra il panorama artistico internazionale presenta una fisionomia alquanto complessa: se l'Informale si configura come una radicale rottura con l'operatività artistica del passato, altre tendenze presenti in Europa si pongono su una linea di continuità con le avanguardie. Al di fuori del vecchio continente, dove Parigi è l'indiscussa capitale dell'arte, New York assurge rapidamente a nuovo centro propulsore di ricerche artistiche destinate ad influenzare profondamente il panorama internazionale.

L'arte nel secondo dopoguerra

VALENTI, PAOLA
2010

Abstract

Nel secondo dopoguerra il panorama artistico internazionale presenta una fisionomia alquanto complessa: se l'Informale si configura come una radicale rottura con l'operatività artistica del passato, altre tendenze presenti in Europa si pongono su una linea di continuità con le avanguardie. Al di fuori del vecchio continente, dove Parigi è l'indiscussa capitale dell'arte, New York assurge rapidamente a nuovo centro propulsore di ricerche artistiche destinate ad influenzare profondamente il panorama internazionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/386278
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact