Barocci e Genova, tra fortuna e negazione