Gabriele D'Annunzio e la cultura figurativa inglese del XIX secolo