Händel e il discorso della modernità