Una costanza sfigurata. Lo statuto del soggetto nella poesia di Sanguineti