“Lo svegliarino” di Ceccardo e una primizia pascoliana