"La presenza ambigua di Wittgenstein nell'empirismo"