Il corpo, la Cuccagna, l’economia di mercato