Il sistema partitico russo: stabilità apparente o instabilità latente?