I tre “codici” della società dell’informazione