«O che spettacol miro,/ di sangue, e di martiro»: i «pietosi affetti» di Angelo Grillo nell’opera dei pittori.