La salvaguardia dell’identità delle lingue nordiche: serve davvero costruire argini difensivi?