Oscurità e «straniamento». Per un’interpretazione del nonsenso fatrasico