Iussa deum (Aen. VI 461) e il silenzio degli innocenti