La parola dei tipografi-editori nei paratesti genovesi