Sulle tracce della ”recitatio”