La “varietà delle cose” e le “frondi di quercia”: la nona giornata