Rappresentare gli 'spazi del fuori'. Note per un'etnografia dei campi profughi