Il ceto dirigente genovese e la sua "diversità"