Alcune osservazioni sulla carta anonima catalana della biblioteca Estense di Modena e la carta di Albino de Canepa