Tragico e fruizione estetica in Kant e Hegel