Antonio Rosmini ed i suoi corrispondenti dopo il 1849