Ragione e corpo nel quarto viaggio di Gulliver