Sull'epistemologia naturalizzata di Quine e sul fondazionalismo