Democrazia rappresentativa e degenerazione totalitaria: Horkheimer e Adorno