Su alcune recenti proposte nel campo degli studi semiotici