Per una fenomenologia dello stupore. Heidegger e l’origine emotiva del pensare