Giorgio Caproni, Taccuino dello svagato