La dignità del lavoro tra legge e contratto