La figura di Gae Aulenti e la percezione visiva