Dalla cloche alla penna: il diario come confine del vissuto