«Era stato esageratamente buono con me». Boine nella memoria di Sbarbaro