Ennio Innocenti e la critica della gnosi spuria