Tra rinnovamento accademico e tradizione barocca: Nicolò Traverso e Francesco Ravaschio.