La scrittura femminile come pratica di assistenza