Il reintervento è ancora il tallone d’Achille della metodica?