Il “tomismo analitico” di Philippa Foot