Lo sguardo malinconico sullo spazio-evento. Biamonti, Morlotti e il paesaggio dipinto