"Mai stato laggiù". Ambiguità semantica di deittici e anaforici nei testi di Paolo Conte