Delitti di criminalità organizzata di stampo mafioso e custodia cautelare "quasi obbligatoria": un percorso concluso?