Tra "gran maestro" e "potentissimo mago": Niccolò Jommelli nello sguardo dei contemporanei