Prendendo spunto dal film "Primavera, estate, autunno, inverno ... e ancora primavera" del regista coreano Kim Ki-duk il saggio propone un percorso attraverso alcune opere di artisti della contemporaneità, realizzate tra il secondo dopoguerra e i nostri giorni, ispirate a temi connessi al ciclo delle stagioni, ai cambiamenti climatici e agli effetti del tempo atmosferico sulla vita sociale e sulla personalità degli individui.

Celebrazioni rituali, comportamenti sociali e disordini affettivi: la percezione delle stagioni nelle arti visive del XX secolo e della contemporaneità

Valenti P.
2018

Abstract

Prendendo spunto dal film "Primavera, estate, autunno, inverno ... e ancora primavera" del regista coreano Kim Ki-duk il saggio propone un percorso attraverso alcune opere di artisti della contemporaneità, realizzate tra il secondo dopoguerra e i nostri giorni, ispirate a temi connessi al ciclo delle stagioni, ai cambiamenti climatici e agli effetti del tempo atmosferico sulla vita sociale e sulla personalità degli individui.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Valenti.pdf

accesso chiuso

Descrizione: Saggio in volume
Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 576.36 kB
Formato Adobe PDF
576.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/887596
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact