«Il mondo sottosopra». Spartaco e altre reticenze manzoniane