Tra Lucrezio e la nuova scienza: le affinità elettive, secondo Meli