Lettura analitica del canto XII della "Secchia rapita" di A. Tassoni, con particolare attenzione ai topoi degli ultimi canti dei poemi epico-cavallereschi, alla loro ripresa e deformazione eroicomica, alle figure dei vari protagonisti e alle loro imprese in parodia con i modelli della tradizione epica (scontri campali, singolari tenzoni, duelli finali, oratoria bellica e retorica diplomatica, ecc.). La lettura individua nei dettagli del canto la poetica del "drappo cangiante" che soggiace al capolavoro tassoniano osservando il funzionamento dello schema di citazione/rovesciamento particolarmente evidente nella chiusura di dimessa comicità.

Lettura della "Secchia rapita". Canto XII

Q. Marini
2016-01-01

Abstract

Lettura analitica del canto XII della "Secchia rapita" di A. Tassoni, con particolare attenzione ai topoi degli ultimi canti dei poemi epico-cavallereschi, alla loro ripresa e deformazione eroicomica, alle figure dei vari protagonisti e alle loro imprese in parodia con i modelli della tradizione epica (scontri campali, singolari tenzoni, duelli finali, oratoria bellica e retorica diplomatica, ecc.). La lettura individua nei dettagli del canto la poetica del "drappo cangiante" che soggiace al capolavoro tassoniano osservando il funzionamento dello schema di citazione/rovesciamento particolarmente evidente nella chiusura di dimessa comicità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/885709
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact