L’ordinarietà è nei dettagli