Arti e fate a banchetto, e i loro doni: per la storia del reimpiego dottrinale di un motivo folklorico