Giocare agli astragali mentre il destino è in agguato: la valutazione quintilianea di uno stratagemma oratorio e il suo parallelismo con modelli iconografici e teatrali