Comicità e linguaggio figurato ne I due gentiluomini di Verona