Una lettera di Taesi a Didime (P.Oxy. LXII 4340, 21-22)